LABORATORIO DI FORMAZIONE DI AFFILATURA TRADIZIONALE

NAWÜČIMO SE BRÜSIT SPOZNEJMO KEJ OD NAŠE ŠTORJE, KULTÜRE ANU OD ISAGA

LABORATORIO DÌ FORMAZIONE DÌ AFFILATURA TRADIZIONALE CON NOZIONI STORICO CULTURALI, MATERIALI E TECNICHE DEL MESTIERE

Sabato 17 febbraio presso il Museo dell’Arrotino di Stolvizza di Resia si è svolta la seconda lezione teorica del laboratorio di affilatura tradizionale, con un’introduzione sui materiali abrasivi. Nella mattinata grande attenzione è stata rivolta ai vari tipi di mole abrasive e i materiali che la compongono, ciclo produttivo, controllo qualità e il loro utilizzo, relatore il Sig. Leopoldo Nelumbio rappresentante commerciale della ditta “Molemab” di Ome BS.  A seguire, nel pomeriggio la lezione si è concentrata sulle lame, come affilarle e quali tecniche utilizzare, relatore il Sig. Tommaso Rumici designer di coltelleria sportiva e collaboratore della rivista Coltelli. La terza lezione si terrà sempre a Stolvizza di Resia presso il Museo dell’Arrotino sabato 17 marzo 2018 e tratterà le tecniche di affilatura, con delle prove manuali.

PUST-BIMBI BIM BUM BAM “Te mali püst”

 

IL CARNEVALE DEI BAMBINI “Te mali püst

Il caratteristico carnevale resiano, il “Püst”, si arricchisce anche quest’anno di una significativa iniziativa. Alla vigilia del gran finale di San Giorgio quando, il mercoledì delle Ceneri, sarà dato fuoco al vecchio pupazzo di carnevale (Babaz); a Stolvizza, lunedi’ 12 febbraio, numerose, colorate ed allegre piccole maschere si daranno appuntamento per un momento carnevalesco di grande spensieratezza con il festoso “Pusto-Bimbi Bim Bum Bam”. L’appuntamento è aperto a tutti i bambini che, mascherati di tutto punto, troveranno a Stolvizza simpatiche sorprese e soprattutto spazi a loro esclusivamente dedicati.

La festa, che è stata organizzata dall’Associazione “ViviStolvizza” e il “Museo della Gente della Val Resia” in collaborazione con il gruppo Alpini “Sella Buia”, l’Associazione Arrotini”, e il Circolo Culturale “Rozajaski dum” si svolgerà, a partire dalle ore 14,00 con l’arrivo delle maschere in Piazza dell’Arrotino, alle 14,30 presso il Museo della Gente della Val Resia “Laboratorio del Babac – Costruiamo il simpatico pupazzo”; Ore 15,00 “Ta Pustawa” una canzone da scoprire alla Biblioteca Comunale; Ore 15,30 “Festa alla Baita Alpina” con coriandoli e krostule; Ore 16,30 “Processione con il Babac per le vie del paese”; Ore 17,00 “Processo e Rogo del Babac” in Piazza dell’Arrotino con baldoria finale nel locale “All’Arrivo”.

Grande festa quindi con i “Kucazze”, così sono chiamate le maschere in dialetto resiano, insieme a dolci carnevaleschi, coriandoli, simpatici strumenti da rumore e tanta allegria con le inconfondibili note della “Zytira” e Bunkula” gli strumenti musicali protagonisti della sempre straordinaria musica resiana e suonati, per l’occasione, da due ragazzini della Valle entrambi di nome Simone.

Insomma una iniziativa che intende rivitalizzare un appuntamento come il carnevale, che il perdurante momento di crisi economica tende ad oscurare, ma che le associazioni di Stolvizza: invece vogliono che l’appuntamento, vivacizzato da stimolanti ed intelligenti iniziative, possa dare segnali positivi e di speranza ai grandi e soprattutto ai bambini che saranno presenti a Stolvizza nel pomeriggio di lunedi’ 12 febbraio.

Info Telefax 0433.53119 – Mobile 360.960179 – e-mail vivistolvizza@gmail.com – info@arrotinivalresia.it

LABORATORIO DI FORMAZIONE DI AFFILATURA TRADIZIONALE

NAWÜČIMO SE BRÜSIT

SPOZNEJMO KEJ OD NAŠE ŠTORJE, KULTÜRE

ANU OD ISAGA DËLA

 LABORATORIO DI FORMAZIONE

DI AFFILATURA TRADIZIONALE

 NOZIONI STORICO CULTURALI, MATERIALI E TECNICHE DEL MESTIERE

Sabato 27 gennaio 2018, presso il Museo dell’Arrotino a Stolvizza di Resia si è svolta la prima lezione del 1^ laboratorio di affilatura tradizionale, con nozioni storico culturali, materiali e tecniche del mestiere, organizzato dal C.A.M.A., l’associazione che da anni si impegna nella valorizzazione del mestiere tradizionale della Val Resia, l’arrotino.

La prima lezione teorica, ha visto la partecipazione di 16 iscritti, lezione dedicata alla Storia della Val Resia e alla figura dell’arrotino, con approfondimenti sui contenuti dell’allestimento del museo. Rrelatore Sandro Quaglia, autore del catalogo del museo e conservatore museale presso il Museo della Gente della Val Resia ed il Museo dell’Arrotino. Sono seguite delle prove manuali visionate dal presidente dell’associazione Domenico Lettig, sulla tradizionale bicicletta dell’arrotino e per concludere sulle mole a motore.

Dedicata nella giornata anche la visita presso il Museo della Gente della Val Resia con un approfondimento sul tema dei racconti argomento dell’attuale esposizione. Ad allietare questo bellissimo tema, un piccolo laboratorio didattico con erbe officinali a cura di Cecilia Loits, titolare dell’Azienda Agricola Le Erbe di Lina (coltivazione di erbe officinali e aromatiche in Val Resia).

La prossima lezione teorica si terrà, sabato 17 febbraio, sempre presso il Museo dell’Arrotino e tratterà i materiali abrasivi e la composizione dei materiali da affilare.

Chi seriamente interessato può contattare il Museo dell’Arrotino.

Mail: info@arrotinivalresia.it

 

LABORATORIO DI FORMAZIONE DI AFFILATURA TRADIZIONALE CON NOZIONI STORICO CULTURALI, MATERIALI E TECNICHE DEL MESTIERE

LABORATORIO DI FORMAZIONE DI AFFILATURA TRADIZIONALE CON NOZIONI STORICO CULTURALI, MATERIALI E TECNICHE DEL MESTIERE

NAWÜČIMO SE BRÜSIT SPOZNEJMO KEJ OD NAŠE ŠTORJE, KULTÜRE ANU OD ISAGA

 

 

Come ormai da anni, l’associazione C.A.M.A.,  si impegna  nella valorizzazione del mestiere tradizionale della Val Resia, l’arrotino. Un grande obiettivo che l’associazione si è posta per l’anno 2018 è la concreta realizzazione di un laboratorio per insegnare questo mestiere, pertanto ci proponiamo con delle lezioni teoriche per la preparazione sul tema dell’affilatura. La prima lezione teorica in programma si terrà presso il Museo dell’Arrotino sabato 27 gennaio con nozioni storiche culturali e approfondimenti sull’allestimento del museo, a seguire il 17 febbraio con una lezione dedicata ai materiali per l’affilatura e i componenti degli oggetti stessi da affilare. La terza lezione in programma è per il 17 marzo con le tecniche di affilatura.

Possono a partecipare alle lezioni tutti coloro seriamente interessali, prendendo contatto con il Museo dell’Arrotino.

 

Per tutte le informazioni Museo dell’Arrotino:

Mail: info@arrotinivalresia.it

 

 

CAMMINATA A STOLVIZZA PER LA CHIUSURA DEI PERCORSI “SENTIERI STOLVIZZA”

Appuntamento  domenica 29 ottobre  a Stolvizza di Resia per la chiusura, per questo anno, degli ormai famosi percorsi: “Ta lipa pot”, “Il sentiero di Matteo”, “Pusti Gost sulle tracce del passato”, “P4 della Grande Guerra” e “Stolvizza facile”. Un appuntamento che gli organizzatori dell’associazione “ViviStolvizza” auspicano si possa svolgere in condizioni meteorologiche favorevoli al fine di poter salutare nel migliore dei modi i tanti escursionisti che si stanno apprestando a partecipare a questa tradizionale iniziativa ludico-motoria che si svolge sotto l’egida della FIASP (Federazione Italiana Amatori Sport per Tutti) Comitato Territoriale di Udine. Adesso tutto è pronto per domenica 29 ottobre prossimo per proporre uno stimolante programma che prevede: il raduno in Piazza dell’Arrotino alle ore 8,30, la partenza dalle ore 9,00 alle ore 9,30 sempre da Piazza dell’Arrotino, escursione guidata nei percorsi “Ta lipa pot” di km. 5 e 10 o “Il sentiero di Matteo” di km. 13; “Pusti gost – sulle tracce del passato” di km. 18 e “Stolvizza facile” di km. 1,5 e quindi rientro a Stolvizza dove gli escursionisti saranno attesi, quest’anno, da un ristoro con i prodotti tipici dei territori colpiti un anno fa dal terremoto del Centro Italia. Si gusteranno lenticchie di Castelluccio, pecorino di Norcia, affettato della Valnerina nel ricordo di quel 30 ottobre 2016 scorso quando a Stolvizza, in partenza per l’escursione di chiusura, tutti fummo scossi dalla notizia del tremendo terremoto. Non mancherà comunque anche quest’anno la tradizionale “Bruschetta  dell’amicizia” la gustosa proposta a base dell’olio e pane Umbro e il famoso aglio di Resia, due comunità legate da anni da una affettuosa amicizia. L’organizzazione ricorda che le escursioni, anche se alcune piuttosto impegnative, non hanno particolari difficoltà anche se si tratta pur sempre di sentieri di montagna i quali vanno percorsi con la dovuta attenzione e con un appropriato, ma quanto mai semplice, abbigliamento da trekking; per il resto l’escursione rappresenta una grande opportunità per trascorrere una mattinata di impegno fisico in un contesto ambientale davvero straordinario. Festa grande quindi a Stolvizza domenica 29 ottobre ma anche un pizzico di malinconia nel non vedere più nei mesi invernali i tanti appassionati che nel corso della stagione hanno animato questi sentieri intorno a Stolvizza; una malinconia però di breve durata perché tutti gli appassionati, nel salutarsi, si daranno appuntamento a sabato 7 aprile 2018 per la nuova apertura che darà il via ad una ricca stagione di straordinarie escursioni in questa splendida valle incastonata tra il Monte Canin, Monte Sart e la Catena dei Musi. Venire a Stolvizza inoltre vi permetterà di conoscere le peculiarità di questo territorio: Il Monumento all’Arrotino nell’omonima piazza e il suggestivo Museo dell’Arrotino; La splendida Chiesa dedicata a San Carlo Borromeo recentemente restaurata; Il “Museo della Gente della Val Resia” un contenitore interattivo sulla vita resiana; Il Borgo Kikey che ha retto al terremoto del 1976 con il Belvedere “Roberto Buttolo”; Il delizioso locale “All’Arrivo” 339.2257403 dove gustare i piatti della tradizione resiana e pietanze a base del pregiato aglio di Resia “Strok” presidio Slow food.

Inoltre portate con voi forbici e coltelli, mentre effettuerete l’escursione, le mani esperte degli arrotini di Stolvizza affileranno i vostri utensili e cosi’ riporterete a casa il loro prezioso lavoro e un bel  ricordo di Stolvizza e della Val Resia.

Insomma una bella storia questa dei percorsi di Stolvizza ormai conosciuti anche fuori dai confini regionali per la soddisfazione degli organizzatori i quali sono già proiettati al prossimo anno certi che le proposte raccoglieranno, come sempre,  il consenso di tanti appassionati.

Info: Telefax 0433.53119 – Mobil 360.960179 – e-mail: vivistolvizza@gmail.com

1997-2017 20^ anniversario fondazione Associazione C.A.M.A.

Comitato Associativo Monumento all’Arrotino

Il 20 settembre 1997 venne  costituita ufficialmente l’Associazione C.A.M.A. da 8 Arrotini di Stolvizza, Dante Lettig che ne fu il primo presidente, Giovanni Negro suo vice, Ferdinando Negro, Gino Buttolo, Luciano Quaglia, Renato Buttolo, Severino Lettig, Venanzio Lettig consiglieri,  con un primo obbiettivo: la realizzazione di un monumento, un’opera che rappresentasse un omaggio ai tanti arrotini scomparsi, i veri padri di quest’attività. L’8 agosto 1998 veniva inaugurato il monumento, un grosso masso con un bassorilievo in bronzo posizionato all’ingresso di Stolvizza nella piazza oggi dedicata all’Arrotino.

Un grazie da parte di tutta l’Associazione e amici a questi arrotini che si sono impegnati vent’anni fa per far conoscere a tutti, soprattutto alle future generazioni l’importanza che ha avuto quest’antico mestiere per la Val Resia.

Grazie di cuore da tutti noi per il valore e l’amore che ci avete trasmesso per questo mestiere.

Nella foto, i fondatori dopo la costituzione dell’Associazione C.A.M.A. a Tolmezzo il 20 settembre 1997.

Da sx in piedi: Ferdinando Negro, Gino Buttolo, Dante Lettig, Giovanni Negro, Luciano Quaglia, Renato Buttolo.

Da sx inginocchiati: Severino Lettig, Venanzio Lettig.