Profumi d’autunno con Affiliamo

Una domenica tipicamente autunnale accompagnata dalla pioggia ha caratterizzato questo ultimo fine settimana di settembre, che non ha scoraggiato il gruppo di ospiti accompagnati da Barbara, giunti da München (Germania) a Stolvizza per trascorrere una giornata a contatto con la natura sul sentiero “Ta lipa pot” e visitare il Museo dell’Arrotino. L’altro gruppo che non si è scoraggiato con il tempo piovoso è stato quello del Parco delle Prealpi Giulie accompagnato da Stefano e Sandro, che ha percorso il “Ta lipa pot” concludendo l’escursione sempre al Museo dell’Arrotino dove Cesarina e Giuliano dell’Associazione Vivistolvizza hanno preparato un piccolo ristoro. Questa giornata dedicata all’affilatura ha visto al Museo la presenza di altri due gruppi, uno proveniente da Pordenone accompagnato da Daniela e Renato, e un gruppo proveniente dalla vicina Nova Gorica (Slovenia) accompagnato da Luigia. A tutti i nostri ospiti, giunti dalla Germania, dalla Slovenia e dall’Italia un grazie caloroso per aver voluto visitare il nostro Museo e trascorrere con noi questa domenica dedicata all’affilatura.

 

 

 

 

 

1997-2017 20^ anniversario fondazione Associazione C.A.M.A.

Comitato Associativo Monumento all’Arrotino

Il 20 settembre 1997 venne  costituita ufficialmente l’Associazione C.A.M.A. da 8 Arrotini di Stolvizza, Dante Lettig che ne fu il primo presidente, Giovanni Negro suo vice, Ferdinando Negro, Gino Buttolo, Luciano Quaglia, Renato Buttolo, Severino Lettig, Venanzio Lettig consiglieri,  con un primo obbiettivo: la realizzazione di un monumento, un’opera che rappresentasse un omaggio ai tanti arrotini scomparsi, i veri padri di quest’attività. L’8 agosto 1998 veniva inaugurato il monumento, un grosso masso con un bassorilievo in bronzo posizionato all’ingresso di Stolvizza nella piazza oggi dedicata all’Arrotino.

Un grazie da parte di tutta l’Associazione e amici a questi arrotini che si sono impegnati vent’anni fa per far conoscere a tutti, soprattutto alle future generazioni l’importanza che ha avuto quest’antico mestiere per la Val Resia.

Grazie di cuore da tutti noi per il valore e l’amore che ci avete trasmesso per questo mestiere.

Nella foto, i fondatori dopo la costituzione dell’Associazione C.A.M.A. a Tolmezzo il 20 settembre 1997.

Da sx in piedi: Ferdinando Negro, Gino Buttolo, Dante Lettig, Giovanni Negro, Luciano Quaglia, Renato Buttolo.

Da sx inginocchiati: Severino Lettig, Venanzio Lettig.

“Profumi d’autunno in Val Resia”

“Scopri Resia 2017” è l’evento proposto nell’ultimo fine settimana di settembre dalla Pro-Loco Val Resia che conclude gli appuntamenti dedicati alla scoperta della vallata. Sabato 23 e domenica 24 settembre nei locali che aderiscono all’iniziativa saranno proposti vari menù al “Profumo d’autunno”. A questa iniziativa, che non tratterà solo di gastronomia, si aggiunge anche la riscoperta e la valorizzazione del mestiere tipico della Val Resia: l’arrotino/brüser (in resiano). Gli abitanti di questa valle ed in particolare quelli di Solbica/Stolvizza, infatti, già dal XVIII secolo hanno praticato questo mestiere. Stolvizza è diventata la culla di quest’antico mestiere, in questo paese vi è anche un monumento all’arrotino ed anche un bellissimo e ricchissimo museo, dove domenica 24 settembre viene proposta l’iniziativa “Affiliamo”. Una domenica dedicata all’affilatura in cui tutti possono vedere all’opera questi abili artigiani e portare da casa ad affilare forbici, coltelli, in cambio di una libera donazione.Nel contempo sarà possibile visitare il museo, dedicato all’arrotino, ricco di oggetti e fotografie, inoltre, si potrà fare una passeggiata tra i borghi di questa frazione molto affascinante e godere il panorama sulla valle. Il turista potrà anche effettuare un’escursione scegliendo tra i numerosi percorsi che si snodano intorno al paese curati dall’Associazione “ViviStolvizza”. Questi sono: “Ta lipa pot”; percorso circolare che passa davanti al Museo dell’Arrotino e al Museo della Gente della Val Resia, il “Sentiero di Matteo”, “Pusti Gost – sulle tracce del passato”, il “P4 della grande guerra e “Stolvizza facile”, dedicato ai bambini, anziani e ad alcune categorie di diversamente abili.

Per questa iniziativa il Museo dell’Arrotino rimarrà aperto domenica 24 settembre nella mattinata dalle 10.30 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 14.00 alle 16.30.

Non lasciatevi sfuggire questa imperdibile occasione per portare a casa il proprio “affilato” ricordo di Resia.

Per tutte le informazioni si può contattare l’associazione che promuove l’evento: info@arrotinivalresia.it

 

 

FashonMusic …… sfilata al Museo 13 Agosto 2017

 

 

Domenica 13 agosto, presso il Museo dell’Arrotino,  è stata presentata al folto pubblico, composto anche da numerosissimi giovani, la sfilata di moda “FashonMusic” con le creazioni di Alessio Avai, giovane stolvizzano e futura promessa nel campo della moda. L’evento è stato anticipato da alcuni interventi introduttivi moderati da Sandro Quaglia conservatore del Museo che, con la collaborazione degli altri responsabili del museo e al presidente Domenico Lettig, ha voluto accostare questo particolare evento alle varie attività organizzate dal museo stesso. Particolarmente significativa è stata la testimonianza di Luigi Buttolo Biskjć, il più anziano arrotino di Resia, che ha raccontato come questi artigiani resiani hanno sempre avuto anche il ruolo di introdurre in valle, oltre che alcuni prestiti linguistici, anche le nuove mode delle varie epoche in cui vissero. Infatti nelle sale del museo sono esposti anche alcuni capi di abbigliamento prevalentemente femminili introdotti dagli arrotini dai luoghi di approdo dei loro traffici commerciali già a partire dagli inizi del XIX secolo……..