Mostra del coltello La vite e la britola, in arrivo 60 coltellinai a Valdobbiadene

Piantina della Fiera di San Gregorio – Valdobbiadene

6 marzo 2015 Coltelli
Apre i battenti sabato 7 marzo e proseguirà domenica 8 marzo la Mostra del Coltello di Valdobbiadene, che si svolge in contemporanea con la Fiera di San Gregorio: un evento nell’evento che negli anni è cresciuto sempre più, arrivando ad attirare appassionati da tutta Italia (e non solo). Sono 200 gli espositori, tra coltellinai, forgiatori, e arrotini, che arriveranno da tutta Italia, dall’Europa (Francia, Ungheria, Svizzera) e persino dagli Stati Uniti, per una manifestazione che è diventata un punto di riferimento per l’arte delle lame. A Palazzo Piva, la Mostra del Coltello “La vite e la britola” esporrà le realizzazioni di 60 knifemaker. Inoltre, in villa dei Cedri, si esibiranno una ventina di forgiatori, alcuni dei quali francesi; molto attese (le iscrizioni sono già chiuse) le lezioni sulla forgiatura del damasco con Rick Dunquerley, da Lincoln (Montana, Usa) maestro della più importante organizzazione mondiale del settore, l’ABS (AmericanBladeSmith). Ci saranno due intagliatori bellunesi che nel giardino si esibiranno in spettacolari dimostrazioni d’intaglio di sculture in legno, con le loro motoseghe. E poi ci saranno falconieri, esperti di sopravvivenza, e una gara di lancio di coltelli e asce.

A Villa dei Cedri, invece, si terrà La Cittadella dei Taglienti, manifestazione che celebra la tradizione della forgiatura nelle terre dell’Altamarca. Dopo la “britola” più grande del mondo dello scorso anno, l’edizione 2015 vedrà esposta nel giardino di villa dei Cedri un’antica gondola di Venezia. “Abbiamo voluto mettere al centro di questa edizione l’arte e mestieri del nostro Veneto”, spiega Enzo Dieni, organizzatore della Cittadella dei Taglienti, “un legame forte che stringe idealmente la tradizione del taglio del legname nei boschi del bellunese, trasportato attraverso il Piave, e Venezia con i suoi maestri d’ascia all’Arsenale. Al centro la Via dei Magli dell’Altamarca, dove una tradizione forte di secoli, portava a trasformare i minerali estratti nella valli dell’Agordino e Zoldano in straordinari esempi dell’arte della forgiatura”.

Per informazioni: Enzo Dieni, cell. 347 035.63.03, leperine@leperine.it

FONTE: http://www.caffeditrice.com/mostra-del-coltello-la-vite-e-la-britola-in-arrivo-60-coltellinai-a-valdobbiadene/