Quasi 300 mila euro per i musei

TOLMEZZO. Sono 287 mila gli euro destinati dal Bim ai musei di montagna. Fondi ritenuti vitali perché centri etnografici ed esposizioni permanenti possano continuare a essere presenti. A beneficiarne…

TOLMEZZO. Sono 287 mila gli euro destinati dal Bim ai musei di montagna. Fondi ritenuti vitali perché centri etnografici ed esposizioni permanenti possano continuare a essere presenti. A beneficiarne saranno 36 realtà museali dei monti friulani e pordenonesi. La parte più consistente, 50 mila euro, saranno destinati al Museo carnico delle arti popolari di Tolmezzo, fra i più importanti musei etnografici a livello europeo, tramite la Fondazione Museo Carnico “Michele Gortani”; gli altri contributi sono stati divisi su due fasce di stanziamento. La prima di 15 mila euro cadauno annovera 11 musei, tra i quali il museo Archeologico di Zuglio, quello Geologico di Ampezzo,la Casa delle farfalle di Bordano e il Tiere Motus di Venzone. La seconda fascia include 24 istituzioni tra cui i musei e centri etnografici come il museo dell’Arrotino di Resia o quello dell’Orologeria di Pesariis, il museo Paleontologico di Preone o ancora l’esposizione della civiltà contadina di Lauco, cui andranno tre mila euro. «Dalla più piccola realtà alla struttura più consolidata – questo il commento di Domenico Romano, presidente del Bim – per noi

è fondamentale riconoscere l’impegno ed i sacrifici di chi continua a valorizzare cultura, tradizioni, storia, natura, offrendo ai visitatori del territorio esperienze e conoscenze uniche. Si tratta di musei che il più delle volte non si potrebbero reggere sulle proprie gambe». (g.g.)

FONTE http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2015/07/07/news/quasi-300-mila-euro-per-i-musei-1.11741792?ref=search